Il Tiger Team protagonista anche a Roma.
La federazione Italiana di taekwondo anche quest’anno è riuscita ad emozionare e unire la grande famiglia del taekwondo mondiale grazie una formula innovativa e una location da brividi; parliamo del Grand Prix di Roma al foro Italico affiancato dal trofeo “Kim e Liu” e dalla Dream Cup; i campioni mondiali e gli aspiranti alle olimpiadi affiancati dai bambini e dai ragazzi selezionati da ogni regione. Oltre 1200 atleti per il solo “kim e liu”, tutte le regioni rappresentate con le proprie squadre e soprattutto le squadre nazionali provenienti da tutto il mondo, insieme per regalare un sogno agli atleti più giovani e far comprendere meglio cosa sia il taekwondo , questo il risultato dello sforzo organizzativo della federazione italiana. Il motto della manifestazione era “Make the History” e a modo suo la Tiger Team, lo ha fatto ottenendo tre ori al torneo “Kim e Liu” e un bronzo alla Dream Cup. La rappresentativa fabrianese è stata nuovamente la prima della regione Marche, grazie all’impegno di: Maksym Khoroshun, Bartoli Gabriele e Leonardo, Latini Andrea e Francesco, Foresta Riccardo, Bumbaru Eduardo, Cannas Raimondo, Marchegiani Federico, Frati Alessandro, e Busco Cristian. Un grande rammarico per Pagnoni Corrado aspirante alla vittoria finale che purtroppo si è infortunato a poche dalla competizione. Gli ori sono arrivati grazie a Bartoli Gabriele, Khoroshun Maksym e Cannas Raimondo. Ognuno di loro ha lavorato per questo obiettivo, Raimondo esordì proprio al “Kim e Liu” un anno fa, perdendo al primo incontro; quest’anno ha conquistato l’oro dopo tre vittorie nette, simbolo di una crescita costante e di tanta applicazione. Discorso diverso per Maksim che era al debutto e che è riuscito a vincere di un solo punto la sua finale, suo terzo incontro, dopo aver portato a termine una rimonta di 13 punti. In due giorni di gara ci sono stati momenti emozionanti per tutti, dalla vittoria al golden point per Riccardo Foresta alla bellissima prestazione di Andrea Latini, dal coraggio di Federico Marchegiani alla diligenza tattica di frati Alessandro e con un pizzico di malizia in più anche Cristian Busco sarebbe potuto salire sul podio. L’abbraccio di tutti va Francesco Latini, il più piccolo del gruppo, tosto e motivatissimo e ad Eduardo che si è infortunato pochi istanti prima di cominciare la gara. Nella Dream Cup, riservata alle squadre regionali ottimo il risultato ottenuto da Tommaso Spreca che conquista un terzo posto dopo oltre tre mesi di stop per infortunio. Sfortunato invece l’altro fratello Spreca, Andrea, che ai quarti incrocia nuovamente il campione italiano e pur disputando un ottimo incontro deve arrendersi a quest’ultimo. Si avvia alla conclusione una stagione ricca di soddisfazioni, e un ringraziamento sentito va a tutti gli atleti e alle loro famiglie che hanno sposato la visione di un taekwondo ricco di valori, di sfide e di emozioni.


copyright reserved Tiger Team 2020©

  • mail:tigerteam@dominio.it
  • 3771256476
  • tigerteam fabriano